NUOVE DISPOSIZIONE DELLA REGIONE LAZIO PER RACCOLTA DEI FUNGHI

...

18/08/2020

La ricerca e raccolta dei funghi epigei spontanei nella Regione Lazio è disciplinata dalla Legge Regionale 5 agosto 1998 n.32 “Disciplina della raccolta e della commercializzazione dei funghi epigei spontanei e di altri prodotti del sottobosco". La Regione Lazio con l’articolo 9 della Legge regionale n. 1 del 27/02/2020 inerente “Misure per lo sviluppo economico, l'attrattività degli investimenti e la semplificazione”, modificando la suddetta legge, ha stabilito che per praticare la raccolta dei funghi, non sia più necessario il tesserino di idoneità.

L’art. 4, come novellato dall’art. 9 della L.R. n. 1/2020, prevede che la raccolta dei funghi epigei spontanei è subordinata al possesso:

  • dell’attestato di partecipazione, anche in formato card, ad un corso di formazione micologica della durata non inferiore a 14 ore;
  • del versamento del contributo annuale di euro 25,00 per i soggetti residenti nella Regione Lazio e di euro 40,00 per i soggetti non residenti nella Regione;
  • del documento di riconoscimento.

Il corso di formazione deve avere una durata minima di 14 ore e deve essere svolto dalle aziende sanitarie locali, dagli enti locali, dalle associazioni micologiche di rilevanza nazionale o regionale, iscritte al registro regionale di cui all'art. 9 della Legge regionale 1/09/1999 n. 22 da oltre 24 mesi, e da enti pubblici o privati, secondo lo schema unico di programma approvato con Determinazione del Direttore della Direzione regionale agricoltura n. G13135 del 28/09/2017. La partecipazione al corso di formazione micologica non è richiesta per i laureati in scienze naturali, agrarie e forestali, in biologia e per i micologi.

Gli ultrasessantacinquenni, residenti nei comuni della Regione, sono esentati dal versamento annuale.

Il periodo di validità annuale decorre dalla data del versamento stesso. Coloro che, alla data di entrata in vigore della presente disposizione, sono già in possesso di un tesserino rilasciato dalla Regione possono esibire tale tesserino in luogo dell’attestato di partecipazione al corso.

I minori di quattordici anni possono effettuare la raccolta dei funghi solo se accompagnati da una persona in possesso dell’attestato di partecipazione ad un corso di formazione micologica, della ricevuta di versamento e di un documento di riconoscimento.

Ai residenti nella Regione Lazio sprovvisti dell’attestato di partecipazione ad un corso di formazione micologica sono rilasciate, a richiesta, dalla Regione, delle autorizzazioni straordinarie nominative, gratuite e giornaliere, in numero non superiore a cinque per ciascun anno solare, valide per la raccolta di funghi epigei spontanei sull'intero territorio regionale esclusivamente se accompagnati da persona in possesso dell’attestato di partecipazione e della ricevuta del versamento.

Il raccoglitore di funghi epigei spontanei, munito dell’attestato di partecipazione al corso di formazione ovvero all’attestazione del possesso di uno dei titoli di studio sopra riportati o del tesserino regionale, e del documento di riconoscimento, nell’anno in cui intenda praticare la raccolta è tenuto al pagamento del contributo annuale di € 25,00 a favore della Regione Lazio.

Il pagamento del contributo annuale può essere effettuato secondo le seguenti modalità riportando nella causale “L.R. n. 32/98-raccolta funghi anno…..”:

-       c/c n. 63101000 in favore della Regione Lazio - Servizio Tesoreria;

-       bonifico bancario al seguente IBAN: IT-75-C07601-03200-000063101000

Gli articoli 8 e 8/bis della L.R. n. 32/98 prevedono il rilascio, rispettivamente, di autorizzazioni speciali e autorizzazioni speciali permanenti nominative, a titolo gratuito per scopi scientifici e didattici.

Le autorizzazioni di cui all’art. 8 possono essere rilasciate ad Associazioni micologiche di rilevanza nazionale o regionale, ad aziende ASL, ad istituti scolastici ed organismi scientifici in occasione di mostre, seminari ed altre manifestazioni di particolare interesse micologico e naturalistico oppure per scopi scientifici o didattici. La richiesta, in marca da bollo del valore di 16,00 €, deve essere presentata alla Direzione regionale Agricoltura, Promozione della Filiera e della Cultura del Cibo, Area Gestione Sostenibile delle Risorse Agricole, compilando il fac - simile di modello denominato “DF domanda di autorizzazione speciale alla raccolta dei funghi epigei spontanei a titolo gratuito”.

Le autorizzazioni speciali permanenti nominative per la raccolta dei funghi a scopo di studio di cui all’art. 8/bis sono concesse ai micologi:

-       residenti nella Regione;

-       in possesso dell’attestato di micologo, ai sensi del Decreto Ministeriale 29 novembre 1996 n. 686 del Ministero della Sanità;

-       inseriti nel registro nazionale dei micologi;

-       iscritti ad una associazione micologica o naturalistica di rilevanza nazionale o regionale.

Il micologo che intende ottenere la suddetta autorizzazione, deve presentare la domanda, in marca da bollo del valore di € 16,00 alla Regione Lazio e all’Associazione di appartenenza compilando il fac - simile di modello denominato “mod DG domanda di autorizzazione speciale permanente alla raccolta dei funghi epigei spontanei”. L’Associazione di appartenenza, con apposita lettera di cui al fac simile denominato “trasmissione richiesta autorizzazione speciale del micologo”, provvederà a trasmettere alla Direzione regionale Agricoltura, Promozione della Filiera e della Cultura del Cibo, Area Gestione Sostenibile delle Risorse Agricole la seguente documentazione:

-       richiesta del micologo in bollo;

-       documento d’identità del responsabile legale dell’associazione;

-       un’ulteriore marca da bollo da apporre sull’atto amministrativo di autorizzazione;

-       due fotografie formato tessera, uguali e recenti del micologo richiedente l’autorizzazione;

-       documento d’identità del micologo richiedente l’autorizzazione.

Per altre informazioni, sempre in materia di funghi, si rimanda a quanto pubblicato sul nostro sito regionale: regione lazio - agricoltura-prodotti del sottobosco- funghi.